penetrate

(redirected from penetrare)
Also found in: Dictionary, Thesaurus.

pen·e·trate

(pen'ĕ-trāt),
To pierce; to pass into the deeper tissues or into a cavity.

penetrate

verb To enter by force; to force one’s way into a place or space; to infiltrate.

Forensics
verb To enter into the body—e.g., by a sharp object or projectile.

Sexology
verb To enter a natural orifice (e.g., the vagina, anus), as by a penis or sexual toy.

penetrate

(pĕn′ĕ-trāt) [L. penetrare]
To enter or force into the interior; pierce.
References in periodicals archive ?
[...] le riflessioni di Baeumler sul rapporto tra le due dottrine non riescono a penetrare, da nessuna parte, nell'ambito dell'effettivo domandare, e invece la dottrina dell'eterno ritorno, in cui egli paventa un "egittismo", va contro la sua interpretazione della volonta di potenza, che, nonostante parli di metafisica, egli non comprende in senso metafisico ma interpreta in senso politico.
Lemmi perfettamente atti a rappresentare un'indefinita zona di incertezza e incompiutezza entro cui Sinisgalli colloca la gioventu contemporanea e se stesso innanzitutto, nell'atto dell'estenuante ma fascinosa esplorazione dell'ignoto, della vita, che solo la poesia puo penetrare. Potrebbe essere letto, a conferma di cio, un testo contenuto nel "Quaderno", che in una strofa recupera esplicitamente il modello rimbaudiano, assumendo ad analoga metafora base, il bateau ivre.
Infatti, laddove Lulu e rappresentazione dell'operaio collettivo di Gramsci, "a dehumanized subject who, unaware of his objectification, is treated and works as a machine" (Ferrarese 78), Sartre si spinge sino ad esplorare l'invasivita che la macchina consegue nel penetrare la sfera erotico-affettiva del lavoratore, in modi che ricalcano fedelmente l'attivita sessuale "per procura" che Lulu dice di desiderare solo quando e in fabbrica.
Lo scontro nel film avviene proprio in questi termini, la giovane maestra salentina del 1953, nell'intensa figura disegnata da Isabella Ragonese, non riesce a penetrare gli usi e i costumi dei contadini genitori dei suoi alunni, in una natura bella ma dura, e la realta che sembra ancora immutabilmente chiusa in se stessa nella metaforica fame ancestrale che ne impedisce la crescita.
Ogni romanzo successivo di Bernari non tradira infatti mai l'impianto consapevolmente e precocemente inaugurato con Tre operai, la felice osmosi cioe fra la "menzogna" artistica e la realta storica, convinto com'e che "ogni storia e una menzogna alla ricerca della verita" (Bernari, 1964: 10), che scrivere dev'essere uno scavo per penetrare nella realta, metterne in luce le componenti e farne insieme lievitare i dati ad ampiezza emblematica, in modo che una storia individuale possa elevarsi--almeno nelle linee essenziali--a racconto esemplare, e possa trascendere la contingenza del singolo fatto storico per costituirsi a simbolo di una situazione esistenziale, di cui la realta resta comunque e fruttuosamente il solido supporto.
Non importa se in qualche occasione, come scherzosamente si sottolinea nella monografia su Giovanni da San Giovanni, la stessa studiosa si senta in dovere di scusarsi del proprio "vizio letterario", ovvero "delle troppe volte che tentando di penetrare nella testa del nostro 'bizzarro' pittore gli abbiamo attribuito pensieri e reazioni che forse non ebbe mai.
Cosi, anche le velleita interpretative dello spettatore rimangono, a loro volta, paralizzate: gli strumenti utilizzati per penetrare il senso del materiale filmico (la razionalizzazione mediante il codice del genere e la lettura psicanalitica) si sono dimostrati inutili e vani di fronte alla dissoluzione del narrativo.
penetrare la realta e fornire non solo la descrizione dell'oggetto
La fotografia di moda sembra sempre uno "psicodramma erotico" (Tassone 135), volto a penetrare la realta (11), preludendo alia sua deformazione grottesca; gli scatti presuntamente autentici, invece, sono tutti rubati: come se nell'irregolarita stesse l'assurda pretesa di cogliere il vero, quello che sta sotto le apparenze.
(23) Marinetti's declared intention in "Il tattilismo" to "penetrare meglio [...] la vera essenza della materia" (Teoria 179) and his attempt to eroticize the whole body to the detriment of genital sexuality come also to mind in these circumstances.
Non ci stupisce, allora, che Augusto, in Trovare un impiego, ansioso di "penetrare nella cerchia della intellettualita cittadina" (128), scriva un articolo su Matilde Serao, di cui ricorda, dunque, l'onorevole Sangiorgio de La conquista di Roma.